08 2016 set
Synapse 3D, il cuore in mano

Synapse 3D, il cuore in mano

La Fondazione Iseni y Nervi sta sviluppando presso i Centri Clinici di Lonate Pozzolo un nuovo sistema per la diagnosi delle malattie cardiache e dell’apparato cardiocircolatorio: grazie ad un nuovo software gli specialisti ricostruiscono su maxi schermi le immagini tridimensionali del cuore del paziente e riescono ad individuare patologie e anomalie che altrimenti resterebbero nascoste.





Fabrizio Iseni, presidente della Fondazione Iseni y Nervi, investe molto sulla tecnologia in ambito medico. E’ stato uno dei primi ad introdurre a livello nazionale la colonscopia virtuale, cioè apparati medici con software potentissimi capaci di “leggere” il colon e di ricercare eventuali patologie senza il tradizionale esame invasivo: uno screening di primo livello che ovviamente non sostituisce la fastidiosa colonscopia tradizionale, ma che la giustifica qualora le immagini rilevino presunte patologie o anomalie fisiologiche degne di approfondimento. La nuova frontiera della diagnostica per immagini compie ora un passo successivo, con l’introduzione di Synapse presso i Centri Clinici di Lonate Pozzolo. Qui, dove iniziano le piste dell’aeroporto della Malpensa, è stato recentemente costituito il “Centro Cuore” cioè una divisione super specialistica e d’eccellenza che riunisce medici e attrezzature all’avanguardia, specializzata appunto nella diagnosi e nella cura delle malattie cardiocircolatorie. Synapse è un costoso e avanzato software che consente di acquisire ed elaborare in 3D le immagini di diagnostica clinica. Un software assolutamente all’avanguardia. “Immagini tridimensionali – spiega Iseni – prodotte da programmi innovativi che permettono di elaborare le immagini ricavate dalla tac cardiaca in 3D: tali immagini vengono riprodotte con una qualità tale da permettere ai medici di visualizzare il cuore e i vasi con dettagli mai visti prima, per accertare lo stato di salute o di patologia del muscolo cardiaco e di tutti i suoi componenti, con una precisione assoluta. Il tutto ovviamente in modo tridimensionale”. L’immagine restituita da Synapse è quella di un cuore reale, che fluttua su maxi schermi, immagine che può essere ruotata, ingrandita, addirittura distesa, sviluppata e modificata per indagare meglio alcune potenziali patologie: basta infatti un clic del mouse per raddrizzare le coronarie, per srotolare i vasi e studiarli quindi con maggiore precisione ed efficacia alla ricerca di ciò che potrebbe essere patologico. “Le funzionalità, grazie al mix tra immagini diagnostiche Tac e Cte, della medicina nucleare, sono molteplici – conclude Iseni – E il cuore è solo un’altra tappa del percorso della medicina avanzata. E’ infatti fondamentale continuare ad investire nella salute”. Considerato che – secondo i dati dell’Istituto Superiore della Sanità – da anni le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte in Europa, la creazione di un polo super-specialistico alle porte di Malpensa, ha lo scopo di contribuire a ridurre dati che fanno rabbrividire e non solo per i tassi di mortalità. Le malattie cardiovascolari in Italia hanno infatti un impatto imponente sulla salute pubblica e sulle risorse sanitarie e economiche. Secondo i dati dell’Istat, in Italia la spesa per gli interventi cardiochirurgici è stimabile in circa 700 milioni di euro all’anno e rappresenta, da sola, l’1% della spesa sanitaria complessiva. I farmaci del sistema cardiovascolare, per un importo di oltre 5 miliardi di euro, sono infatti i più utilizzati in assoluto, con una copertura di spesa da parte del Sistema Sanitario Nazionale di quasi il 93%. La prevenzione, la diagnosi e la cura precoce possono però ridurre drasticamente sia i livelli di mortalità sia la sofferenza per i pazienti sia i costi sociali.


[BACK]